Pandemie: 38% di possibilità d’incontrarle nel corso della vita

Le epidemie di intensità estrema sono più frequenti di quanto ci si potrebbe attendere. A dirlo è lo studio “Intensity and frequency of extreme novel epidemics”, pubblicato su PNAS. Secondo gli esperti, ogni persona ha il 38% di probabilità di fronteggiare nel corso della sua vita una pandemia simile al Covid-19. Percentuale che, nel corso dei prossimi decenni, raggiungerà l’80%.

Il confronto tra Covid-19 e le epidemie passate

La ricerca è stata condotta dal professor Marco Marani del Dipartimento Ingegneria Civile, Edile e Ambientale (ICEA) dell’Università di Padova. Al suo fianco, Anthony Parolari (Marquette University), Gaby Katul e William Pan (Duke University). Insieme, il team ha analizzato un dataset globale di grandi epidemie storiche che copre circa quattro secoli (1600-2020). Una quantità di dati enorme, per provare a rispondere a ciò che il futuro porterà. 

prof. Marco Marani, UniPD

Il dataset generato contiene dati e numeri di 500 epidemie storiche, causate da vaiolo, peste, colera e virus influenzali. Tra di esse, l’epidemia di proporzioni maggiori, che ha causato il maggior numero di morti l’anno, è ad oggi l’Influenza Spagnola: i decessi accertati sono 30 milioni, ma c’è chi sostiene abbiano raggiunto i 100, tra il 1918 e il 1920. All’epoca, si trattava dell’1,7% della popolazione mondiale (5.7 per mille/anno).

“In confronto alle precedenti epidemie, l’epidemia di Covid-19 conta al momento circa 3.5 milioni di vittime (dati ECDC di luglio 2021), con una intensità di circa lo 0.3 per mille/anno. Date queste proporzioni c’è da stupirsi che si sia persa così rapidamente memoria di un evento epocale come quello dell’Influenza Spagnola, circa 20 volte più intenso dell’epidemia che stiamo vivendo. Se la memoria collettiva fosse stata più presente forse non saremmo forse stati così impreparati alla gestione di questo evento” ha commentato il professor Marani.

La frequenza e la causa delle epidemie

Analizzando questo nuovo set di dati, e utilizzando alcuni strumenti statistici recentemente sviluppati dal suo gruppo di ricerca, il team ha scoperto che la frequenza con cui le epidemie globali si verificano è molto variabile nei secoli, ma che la distribuzione di probabilità della loro intensità ha una forma generale, che non dipende dall’epoca né dal tipo di malattia.

Cosa ci dice questo dato? Che le epidemie estreme, quelle di cui la memoria personale diretta tende a perdersi (per esempio sono ormai pochi i testimoni diretti dell’epidemia di Spagnola ancora viventi) sono più frequenti di quanto si può intuitivamente pensare

La probabilità di vivere un’epidemia come quella del Covid-19 era, per la popolazione nata attorno all’anno 2000, di circa il 38%: una probabilità che avrebbe dovuto indurre una maggior preparazione a livello medico e sociale.

La frequenza con cui le nuove malattie epidemiche emergono dalle riserve in animali selvatici è aumentata negli ultimi decenni a causa dei cambiamenti ambientali causati dall’uomo. Questo aumento implica che la probabilità di osservare epidemie estreme potrebbe raddoppiare nel corso dei prossimi decenni

Questo afferma Marani, sottolineando come la società in generale sia impreparata di fronte ad epidemie che potrebbero rivelarsi catastrofiche e che sono tutt’altro che improbabili.

Altri di questo autore

Come i tappi di plastica possono aiutare le donne malate di cancro

A volte la plastica "fa bene". L'iniziativa dello IOV insieme all'Associazione Volontari Ospedalieri che coniuga sostenibilità e solidarietà alle donne malate di cancro

Cachessia neoplastica, VIMM e UNIPD ne hanno individuato le cause

Quando un tumore cresce, provoca significativi cambiamenti funzionali, strutturali e metabolici all’interno dei tessuti del corpo umano. Cambiamenti che...

Diabete, ecco il microscopico robot che produce insulina nel corpo

Un robot che genera insulina direttamente nel corpo umano: oggi è realtà con PILLSID (PILl-refiLled implanted System for Intraperitoneal...

Come i tappi di plastica possono aiutare le donne malate di cancro

A volte la plastica "fa bene". L'iniziativa dello IOV insieme all'Associazione Volontari Ospedalieri che coniuga sostenibilità e solidarietà alle donne malate di cancro

Cachessia neoplastica, VIMM e UNIPD ne hanno individuato le cause

Quando un tumore cresce, provoca significativi cambiamenti funzionali, strutturali e metabolici all’interno dei tessuti del corpo umano. Cambiamenti che...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Inserzione pubblicitaria

Gli ultimi articoli

Allenare la mente per diventare “Respons-abili” e attivare il cambiamento

Perché continuiamo a rimandare quell'impegno? Perché ci sottovalutiamo? Scopriamo le "trappole" della mente con Silvia Rizzi psicologa e mental coach

Le “barriere” del diabete: perché si usano poco i microinfusori?

Un nuovo studio dimostra come in Italia siano presenti molti ostacoli sia fisici che emozionali nell'uso del microinfusore per trattare il diabete

Prevenzione dei tumori, lo studio dello IOV sull’Esofago di Barrett

Modificare alimentazione e stile di vita per combattere i tumori nei pazienti con Esofago di Barrett. Ecco il nuovo studio dello IOV

Non ti vuoi perdere i prossimi articoli?

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere, una volta al mese, la nostra selezione dei contenuti più interessanti!

Inserendo la mail accetti la Privacy Policy: ti terremo informato sui nostri prossimi contenuti. NON cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.

Ti è piaciuto questo articolo? 
Non perderti i prossimi!

Iscriviti alla newsletter per essere informato sulle prossime uscite e sulle iniziative esclusive a tema salute e medicina, riservate ai nostri iscritti.

Non cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.