Protesi Hi-Tech sensibili al calore: innovazione all’Università e Politecnico di Bari

Le protesi del futuro, capaci di riprodurre il senso del tatto, del calore e del freddo, sono in fase di studio al Dipartimento di Fisica dell’Università e del Politecnico di Bari. Questa ricerca è condotta dalla professoressa Anna Maria Coclite, una “cervello di ritorno” attratta dall’eccellenza del dipartimento.

Protesi sensibili al tatto e al calore: una rivoluzione tecnologica

Le neuroprotesi sono già una realtà ed il prossimo futuro ci riserverà la possibilità di comandare le protesi direttamente con il pensiero. Resta però mancante all’appello la possibilità, per chi indossa una protesi, di avere la sensibilità tattile tipica della pelle.

La professoressa Coclite sta affrontando questa sfida con il progetto “Smart Core-shell sensor arrays for artificial skins” (Smart Core), finanziato con 1,5 milioni di euro dall’ERC Starting Grant. Questi sensori bionici rilevano cambiamenti in umidità, temperatura e pressione con una precisione superiore alla pelle umana. Grazie a una nuova geometria verticale e miniaturizzata, i sensori promettono applicazioni rivoluzionarie, come guanti ultrasensibili per la chirurgia.

Nel 2023, la ricerca ha ottenuto un ulteriore finanziamento di 150 mila euro dall’ERC Proof of Concept, per testare la commercializzazione dei sensori. Iniziato alla Graz University of Technology, il progetto Smart Core è ora proseguito al Dipartimento di Fisica dell’Università di Bari, dove Coclite e il suo team continuano il loro lavoro innovativo.

Università di Bari: attrazione di talenti internazionali

Il Dipartimento di Fisica dell’Università di Bari, diretto da Roberto Bellotti, è riuscito ad attirare numerosi ricercatori internazionali e “cervelli di ritorno”. Anna Maria Coclite, dopo esperienze al MIT e alla Graz University of Technology, è tornata a Bari come professore di prima fascia. Altri tre ricercatori sono rientrati da Spagna, Francia e Polonia grazie ai fondi del PNRR, mentre due professori sono rientrati da UK e USA con fondi ordinari.

Il dipartimento ha anche attratto 20 professori stranieri e 17 tra dottorandi e dottori di ricerca provenienti da Paesi come Pakistan, Thailandia, Cuba e Russia. Questo mix di talenti sta contribuendo a posizionare l’Università di Bari come un centro di eccellenza internazionale nella ricerca sulla sensoristica.

Altri di questo autore

Reflusso gastroesofageo: quali i migliori rimedi?

Oggi celebriamo la Giornata Mondiale della Salute Digestiva, un'occasione importante per sensibilizzare sull'importanza della salute digestiva come tassello per...

Circular Medical Expo: l’innovazione biomedica a Padova

La prima edizione della Circular Medical Expo, un evento dedicato all'innovazione nel settore biomedicale, si terrà il 18 e...

Settimana della Tiroide 2024 a Padova: visite gratuite e informazione

La U.O.C. di Endocrinologia del Dipartimento di Medicina dell’Azienda Ospedale Università Padova, con il supporto della Regione del Veneto,...

Reflusso gastroesofageo: quali i migliori rimedi?

Oggi celebriamo la Giornata Mondiale della Salute Digestiva, un'occasione importante per sensibilizzare sull'importanza della salute digestiva come tassello per...

Circular Medical Expo: l’innovazione biomedica a Padova

La prima edizione della Circular Medical Expo, un evento dedicato all'innovazione nel settore biomedicale, si terrà il 18 e...

Articoli correlati

Inserzione pubblicitaria

Gli ultimi articoli

Caduta dei capelli: quando bisogna preoccuparsi?

La caduta dei capelli è un processo naturale, stagionale e fisiologico che riguarda tutte le persone.  Il capello è formato da un ciclo di vita che si articola in crescita, transizione e caduta. Non bisogna preoccuparsi quando si nota una perdita moderata di capelli in doccia, sul cuscino del letto o tra i denti del pettine.

Reflusso gastroesofageo: quali i migliori rimedi?

Oggi celebriamo la Giornata Mondiale della Salute Digestiva, un'occasione importante per sensibilizzare sull'importanza della salute digestiva come tassello per il benessere globale della persona....

Circular Medical Expo: l’innovazione biomedica a Padova

La prima edizione della Circular Medical Expo, un evento dedicato all'innovazione nel settore biomedicale, si terrà il 18 e 19 novembre 2024 nel quartiere...

Non ti vuoi perdere i prossimi articoli?

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere, una volta al mese, la nostra selezione dei contenuti più interessanti!

Inserendo la mail accetti la Privacy Policy: ti terremo informato sui nostri prossimi contenuti. NON cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.

Ti è piaciuto questo articolo? 
Non perderti i prossimi!

Iscriviti alla newsletter per essere informato sulle prossime uscite e sulle iniziative esclusive a tema salute e medicina, riservate ai nostri iscritti.

Non cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.