Braccio ingessato? Da oggi non più con PlayCast!

Chiunque si sia ritrovato con un arto ingessato, sa quanto sia fastidioso. E ci vuole poco a capirlo anche per chi fortunatamente non è mai stato ingessato: il gesso è pesante, fa sudare, può far venire piaghe o lesioni da decubito e ovviamente non va assolutamente bagnato.

Per ottenere una corretta immobilizzazione dell’arto fratturato occorre prima di tutto personale
specializzato che, con la supervisione dello specialista ortopedico, modelli manualmente l’ingessatura facendola aderire nei punti corretti. È comunque un lavoro “artigianale” e vi sono molti limiti palesi in una perfetta personalizzazione dell’ingessatura.

Sicuramente non è un supporto pratico o moderno, basti pensare che il gesso è nato nel 1851 e fino ad oggi pare essere l’unica soluzione che si prospetta davanti ad un arto fratturato.

Se invece vi dicessimo che ora esiste anche un metodo alternativo?

100% made in Italy, comodo, fino a cinque volte più leggero del gesso e perfino resistente all’acqua. Sembra impossibile e invece no!

Si chiama PlayCast ed è un rivoluzionario metodo brevettato circa cinque anni fa da tre professionisti uniti dalla passione per la medicina e la tecnologia. PlayCast è un supporto che può sostituire il tradizionale gesso, impattando notevolmente meno sulla quotidianità del paziente, che infatti potrà perfino andare in piscina senza problemi.

Innovazione e sostenibilità

PlayCast è anche totalmente sostenibile, viene prodotto con la stessa plastica delle bottiglie, non richiede nessuno smaltimento speciale ed è al 100% riciclabile. Il gesso tradizionale, una volta rimosso viene considerato rifiuto biomedico speciale e quindi il processo di riciclo diventa più lungo e complicato. La plastica PET che viene utilizzata per i PlayCast si può riutilizzare quante volte si vuole. Tutti i colori, tranne il bianco e le tonalità fluo sono derivati da materiali già riciclati. I colori più accesi sono composti da plastica nuova, ma al termine del trattamento può essere riciclata tranquillamente pronta per trasformarsi in qualcos’altro, anche in un nuovo PlayCast.

Intervistiamo Jacopo Lazzaro, architetto e insieme a Davide Ranaldo e Nicola Trevisan fondatore di PlayCast srl.

Per quali tipi di fratture può essere utilizzato PlayCast?

Al momento per le fratture composte della zona dell’avambraccio che sono anche le più comuni. Ma stiamo lavorando per renderlo perfettamente adatto anche ad altri tipi di frattura. Contemporaneamente stiamo trasferendo la nostra tecnologia all’ambito veterinario dove la medicina personalizzata non è ancora per nulla diffusa.

Quali sono le fasi tecniche per la costruzione di PlayCast?

Solitamente il paziente con frattura che arriva da noi è già stato in ospedale, dove gli sono state fatte le lastre ed è stato ingessato con il metodo tradizionale. Quindi, dopo aver valutato con i nostri ortopedici l’applicazione in totale sicurezza di PlayCast, si procede con la rimozione del gesso esistente. Successivamente c’è la scansione, che avviene attraverso un dispositivo sviluppato da noi, che realizza scansioni 3D in un istante, come se facesse una foto. 

Poi il nostro software parametrico prepara il modello 3D virtuale di quello che sarà il PlayCast adatto al paziente secondo le direttive dell’ortopedico che ne definisce i parametri, come la dimensione, la resistenza, lo spessore etc. Anche il paziente è coinvolto nella personalizzazione con la scelta del colore, cosa che piace molto soprattutto ai bambini. Infine il PlayCast viene prodotto con stampanti 3D modificate ad hoc per ottenere pezzi resistenti e ad una velocità da record per questo tipo di produzione.

Sembrerebbe un procedimento abbastanza lungo…

No, affatto! Ogni pezzo viene fatto completamente su misura del paziente. Mediamente per la realizzazione di un PlayCast ad hoc ci vogliono solo circa due ore

E’ necessario togliere e sostituire PlayCast ad ogni visita di controllo o per fare le lastre? E come viene rimosso in maniera definitiva alla fine del trattamento?

Questa è un’altra grande novità: PlayCast non va rimosso e poi sostituito per poter effettuare i raggi, come invece si fa con il tradizionale gesso, perché è radio trasparente. E per toglierlo niente seghe o forbici speciali (che possono causare ansia al paziente dato il momento carico di emotività). L’ortopedico dovrà solo rimuovere gli appositi sigilli che sono stati apposti al momento dell’applicazione.

Ma quanto costa Playcast e come fare per sostituire il proprio gesso?

Un PlayCast per fratture dell’avambraccio costa 320 € e per sostituire il proprio gesso si può contattare direttamente PlayCast Srl.

In alternativa ci si può rivolgere ad Orthomedica srl, la prima sanitaria in Italia ad aver scelto PlayCast per i propri pazienti. Se abitate nel Triveneto potete rivolgervi ai centri Orthomedica di Padova, Verona, Treviso, Vicenza, Trento e Gorizia.


Vuoi contattare o richiedere maggiori informazioni all’azienda interpellata?

Compila il form qui sotto ed invia la tua domanda: sarà inoltrata all’azienda.

    Altri di questo autore

    Dieta Mediterranea: ecco perché è un vero patrimonio mondiale

    Un'eccellenza riconosciuta in tutto il mondo. Andiamo alla scoperta della vera dieta mediterranea e dei motivi che la rendono così efficace nel mantenerci in salute

    Tumori: speranza di cura dalla rieducazione cellulare

    I tumori sono una delle patologie più difficili da curare. Una speranza arriva dal Prof. Pier Mario Biava e i suoi studi sulla rieducazione cellulare

    La via per la felicità: dall’epigenetica all’Happygenetica

    L'epigenetica è la disciplina che si occupa dello studio delle modificazioni ereditabili che portano a variare l'espressione genica senza...

    Dieta Mediterranea: ecco perché è un vero patrimonio mondiale

    Un'eccellenza riconosciuta in tutto il mondo. Andiamo alla scoperta della vera dieta mediterranea e dei motivi che la rendono così efficace nel mantenerci in salute

    Tumori: speranza di cura dalla rieducazione cellulare

    I tumori sono una delle patologie più difficili da curare. Una speranza arriva dal Prof. Pier Mario Biava e i suoi studi sulla rieducazione cellulare

    1 commento

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Articoli correlati

    Inserzione pubblicitaria

    Gli ultimi articoli

    Aneurisma dell’aorta addominale: la prevenzione a Padova

    Prato della Valle di Padova. Una delle più grandi piazze d'Europa è, ancora una volta, protagonista della prevenzione medica gratuita. Questa volta dedicata alla...

    Al Monzino si viaggia al centro del cuore

    “Esplorando il corpo umano”. Chi non ricorda qualche immagine della celebre serie TV a disegni animati, dedicata al funzionamento del corpo umano, in onda...

    Prevenzione oculistica gratuita in Veneto

    Arriva anche in Veneto l'iniziativa di IAPB dedicata alla prevenzione oculistica gratuita. Scopriamo insieme dove si svolge e le modalità di partecipazione

    Non ti vuoi perdere i prossimi articoli?

    Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere, una volta al mese, la nostra selezione dei contenuti più interessanti!

    Inserendo la mail accetti la Privacy Policy: ti terremo informato sui nostri prossimi contenuti. NON cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.

    Ti è piaciuto questo articolo? 
    Non perderti i prossimi!

    Iscriviti alla newsletter per essere informato sulle prossime uscite e sulle iniziative esclusive a tema salute e medicina, riservate ai nostri iscritti.

    Non cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.