10 Anni di International Yoga Day: festa della Luce, della Connessione e della Trasformazione

Sono passati 10 anni da quel giugno 2014 quando l’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) ha accolto la richiesta del premier indiano Narendra Modi di istituire una giornata internazionale dedicata allo yoga, oggi conosciuta e celebrata in tutto il mondo come International Yoga Day.

Si è scelto il 21 giungo, giornata del solstizio, giornata della luce, di energia e vitalità, elementi che sono alla base della pratica dello yoga

Questa disciplina millenaria continua ad affasciare oggi milioni di persone di ogni età, ed è sempre più praticata in centri olistici, palestre e perfino on line. Sono sempre di più gli esperti che consigliano di praticare lo yoga per i suoi molteplici benefici:

  1. miglioramento della salute fisica: la pratica regolare dello yoga migliora la flessibilità, la forza e l’equilibrio del corpo;
  2. chiarezza mentale: lo yoga incoraggia la consapevolezza e la meditazione, abbassando i livelli di stress;
  3. benessere emotivo: la pratica promuove stabilità emotiva, riduce ansia e depressione e favorisce una visione creativa e costruttiva della vita;
  4. crescita spirituale: lo yoga è un viaggio spirituale che porta alla scoperta di sé, all’autorealizzazione e a una connessione più profonda con l’universo.

Ma che cos’è veramente lo yoga e quali sono i reali benefici di questa pratica?

Yoga: arte dell’Unione

Spesso, chi si avvicina per la prima volta allo yoga pensa che si tratti principalmente di un’esercitazione fisica, una specie di ginnastica posturale e terapeutica, o in casi più intensi, una sorta di “calisthenics alla indiana”, tuttavia, nel praticare lo yoga, si apre la porta a una esperienza che va oltre il semplice movimento fisico. Una pratica anche solo superficiale porta sicuramente a dei benefici fisici, ma è dedicandosi con costanza e immergendosi davvero nel suo senso che si inizia a percepire un senso di unione e di trasformazione. 

Il termine Unione è proprio la parola con cui possiamo tradurre il concetto di yoga. Nella tradizione sanscrita, “yoga” deriva dalla radice verbale “yuj”, che significa unire o collegare, pertanto, lo yoga può essere interpretato come un cammino verso l’Unione o l’Integrazione, che può manifestarsi in vari livelli di connessione: tra il respiro e il corpo durante le posizioni (asana), tra il movimento e l’immobilità, tra il nostro sé interiore e l’ambiente esterno, e infine tra corpo, mente e spirito.

Attraverso il respiro, il movimento, il suono, il silenzio e la quiete, tutti elementi che caratterizzano la pratica yoga, permettiamo a noi stessi di essere pienamente presenti, di stare, come si dice, nel “qui” e “ora”. Seduti, muovendoci, respirando, ci connettiamo con la nostra interezza interiore ed esteriore e una volta raggiunta questa consapevolezza, apriamo la porta a un’Unione più profonda, che va oltre l’individuo per abbracciare il Tutto.

Lo yoga, dunque, non è una semplice ginnastica che si limita a migliorare la salute fisica, ma un’esperienza più profonda che restituisce un senso di unione con il Sé autentico e libero, portandoci a una connessione sincera e profonda con l’esistenza stessa. Si tratta di un cammino verso l’integrazione completa, che guida i praticanti verso un’espressione vera di sé e una connessione profonda con l’universo che li circonda.

Come celebrare l’International Yoga Day

Che tu sia avvezzo alla pratica o meno, ti invito oggi a metterti alla prova, a stenderti sul tappetino e a cercare la connessione con te stesso. Pratica in gruppo, online o da solo, anche dedicando solo 10 minuti allo yoga. Mettiti in ascolto del tuo corpo e lasciati guidare dal tuo respiro. Che cosa senti? Fermati quando senti di non poter procedere oltre; nello yoga, non c’è sforzo, ricordalo!

Saluto al Sole, foto ©Meditazione Zen

Puoi optare per recitare un mantra, dedicarti alla meditazione o eseguire una sequenza di asana; tra le più conosciute c’è sicuramente il Saluto al Sole.

Se non sai da dove iniziare trovi tanti suggerimenti qui: https://www.fioredellavita.it/yoga/tecniche-corporee/

Quando ti concentri sul respiro durante la pratica, crei spazio dentro di te, liberi la mente e rilassi il corpo, permettendoti di esplorare liberamente e di trovare ciò che realmente cerchi!

Ricorda: lo yoga è un atto d’amore verso te stesso e verso il mondo che ti circonda. Quando ti connetti profondamente al tuo essere interiore e con l’universo intero, scopri la tua vera natura, un atto di connessione che non solo ti permette di esplorare la tua interezza, ma anche di riconoscere e manifestare l’amore incondizionato che risiede in te!

“Lo yoga non è solo l’unione di corpo e mente, ma l’unione dell’individuo con l’infinito”.

B.K.S. Iyengar

Buona festa della luce

Altri di questo autore

Coerenza cardiaca: un viaggio letterario alla ricerca di benessere e armonia interiore

Va dove ti porta il cuore, scriveva Susanna Tamaro e continuano a ripetere anche noi, sapendo che il nostro...

Salute Mentale: come stanno davvero gli Italiani?

Il 10 ottobre si è celebrata la giornata mondiale della Salute Mentale, un’occasione per sensibilizzare e incoraggiare azioni e...

Coerenza cardiaca: un viaggio letterario alla ricerca di benessere e armonia interiore

Va dove ti porta il cuore, scriveva Susanna Tamaro e continuano a ripetere anche noi, sapendo che il nostro...

Salute Mentale: come stanno davvero gli Italiani?

Il 10 ottobre si è celebrata la giornata mondiale della Salute Mentale, un’occasione per sensibilizzare e incoraggiare azioni e...

Articoli correlati

Inserzione pubblicitaria

Gli ultimi articoli

Tumore al seno: con la crioablazione si elimina il bisturi

La crioablazione emerge come una promettente alternativa alla classica chirurgia con bisturi per il trattamento del tumore al seno, di piccole dimensioni (fino a...

Italiani, popolo di sportivi tecnologici

Metà degli italiani pratica attività fisica e l'uso della tecnologia nel fitness è sempre più diffuso. Secondo un’indagine dell’Osservatorio Sanità di UniSalute e Nomisma,...

Caduta dei capelli: quando bisogna preoccuparsi?

La caduta dei capelli è un processo naturale, stagionale e fisiologico che riguarda tutte le persone.  Il capello è formato da un ciclo di vita che si articola in crescita, transizione e caduta. Non bisogna preoccuparsi quando si nota una perdita moderata di capelli in doccia, sul cuscino del letto o tra i denti del pettine.

Non ti vuoi perdere i prossimi articoli?

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere, una volta al mese, la nostra selezione dei contenuti più interessanti!

Inserendo la mail accetti la Privacy Policy: ti terremo informato sui nostri prossimi contenuti. NON cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.

Ti è piaciuto questo articolo? 
Non perderti i prossimi!

Iscriviti alla newsletter per essere informato sulle prossime uscite e sulle iniziative esclusive a tema salute e medicina, riservate ai nostri iscritti.

Non cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.