A Padova due nuove sale operatorie ibride

L’area chirurgica dell’Azienda Ospedale Università Padova si arricchisce di due nuove sale operatorie ibride. Inaugurate nei giorni scorsi, alla presenza del Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, le nuove sale operatorie ibride ad alta integrazione, sono il frutto di progetto che ha preso il via nel 2018 con un investimento di quasi 12 milioni di euro. 

Come è strutturata l’area chirurgica con le nuove sale operatorie ibride a Padova

Così come è stata configurata, l’area chirurgica di Padova, è la prima in Italia e una delle prime in Europa e nel mondo, ad adottare un sistema che prevede l’integrazione di due angiografi ed una TAC a servizio delle due sale operatorie, oltre ad alle altre apparecchiature a corredo, come sistemi di anestesia, stazioni di monitoraggio, ventilatori, ecografi.

La realizzazione permette di intervenire in modalità mini-invasiva sfruttando il sistema di diagnostica integrata di angiografo e TAC, garantendo nel corso della stessa sessione operatoria l’eventuale conversione della procedura chirurgica da mini-invasiva ad open senza necessità di trasferire il paziente in altre sale operatorie. 

Informazioni, dati e consulti il tempo reale con le sale operatorie ibride

Nelle sale il sistema permette di avere a disposizione i parametri registrati da ogni apparecchiatura e i dati pre-intervento del paziente, di trasmettere le informazioni in ogni monitor con un sistema touch screen, di registrare la seduta operatorie a fini scientifici e/o didattici con la possibilità di effettuare videoconferenze e consulti in tempo reale.

Il progetto ha dovuto superare grandi difficoltà logistiche: una sfida sia dal punto di vista realizzativo che dal punto di vista della tecnologia. Il risultato finale è un ambiente d’avanguardia che possiede un elevato grado di integrazione tecnologica e clinica che permette agli operatori di affrontare i casi più complessi con maggiori garanzie in modo tale da poter eseguire procedure innovative mininvasive in sicurezza con maggiore efficacia clinica e minor impatto sul paziente, in termini di riduzione delle complicanze e dei tempi di recupero post operatorio.

Altri di questo autore

All’Istituto Oncologico Veneto (IOV) il nuovo acceleratore hi-tech per la radioterapia adattiva

Segue e si adatta, passo per passo, ai cambiamenti che intervengono sul singolo paziente, con terapie sempre più personalizzate...

Vertebra di Galileo Galilei: svelati i suoi segreti

Settanta scansioni per un totale di quasi 10 milioni di punti per la stampa in 3D della vertebra di...

Psicanalisi come arte liberale: a Padova il convegno su etica, diritto e formazione

Si può guardare alla psicanalisi come arte liberale? Questo e altro al centro del convegno in programma a Padova,...

All’Istituto Oncologico Veneto (IOV) il nuovo acceleratore hi-tech per la radioterapia adattiva

Segue e si adatta, passo per passo, ai cambiamenti che intervengono sul singolo paziente, con terapie sempre più personalizzate...

Vertebra di Galileo Galilei: svelati i suoi segreti

Settanta scansioni per un totale di quasi 10 milioni di punti per la stampa in 3D della vertebra di...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Inserzione pubblicitaria

Gli ultimi articoli

Parkinson: un nuovo approccio terapeutico con la stimolazione dopaminergica

In occasione della Giornata Nazionale del Parkinson è stata presentata una nuova terapia per combattere questa insidiosa malattia

All’Istituto Oncologico Veneto (IOV) il nuovo acceleratore hi-tech per la radioterapia adattiva

Segue e si adatta, passo per passo, ai cambiamenti che intervengono sul singolo paziente, con terapie sempre più personalizzate e calibrate, l’acceleratore “Ethos”, il...

Emma Mazzenga, l’89 enne che macina ancora record nell’atletica

Classe 1933 per l’atleta padovana Emma Mazzenga, che con il suo primato mondiale, i cinque primati europei e le 29 migliori prestazioni italiane di...

Non ti vuoi perdere i prossimi articoli?

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere, una volta al mese, la nostra selezione dei contenuti più interessanti!

Inserendo la mail accetti la Privacy Policy: ti terremo informato sui nostri prossimi contenuti. NON cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.

Ti è piaciuto questo articolo? 
Non perderti i prossimi!

Iscriviti alla newsletter per essere informato sulle prossime uscite e sulle iniziative esclusive a tema salute e medicina, riservate ai nostri iscritti.

Non cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.