Allattamento al seno: come conservare il latte col caldo (e quali sono i benefici, anche d’estate)

Quando si pensa all’alimentazione in estate, si pensa prevalentemente alla corretta conservazione della carne e degli alimenti freschi. E, dunque, a tutte quelle pratiche necessarie ad evitare un’intossicazione alimentare. Pochi prendono in considerazione, però, la conservazione del latte materno.

Il latte materno è un alimento crudo. Contiene cellule vive, proteine, carboidrati, acidi grassi, micronutrienti, probiotici e altro ancora. Tuttavia, il calore può portare allo sviluppo di batteri nocivi. Come comportarsi durante l’estate? Ecco qualche utile consiglio.

Perché l’allattamento al seno fa bene anche d’estate

L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda che, per i neonati fino a sei mesi, il latte materno sia l’unica forma di alimentazione. Non solo: il consiglio è quello di proseguire con l’allattamento al seno fino ai due anni.

I benefici, del resto, sono molti: il latte materno contiene anticorpi e fattori protettivi che scongiurano il rischio di numerose malattie, aiutano a combattere le infezioni, proteggono il bambino da allergie e diabete giovanile, e riducono le probabilità che in età giovanile e in età adulta soffra di sovrappeso e obesità.

Inoltre, l’allattamento al seno fa bene anche alla mamma: riduce il rischio di emorragie post-partum, diminuisce le possibilità di incorrere in tumori del seno e dell’ovaio, e tiene lontana l’osteoporosi post-menopausa. 

In estate, poi, l’allattamento al seno è ancor più importante, in quanto mantiene il piccolo perfettamente idratato (ma la mamma deve ricordarsi di bere almeno due litri d’acqua al giorno).

Come conservare il latte materno quando fa caldo

Il 98% delle donne che allattano al seno, per un motivo o per l’altro, usano il tiralatte: lo fanno quando il bambino sta con il papà, con un parente, con la babysitter, o per motivi di comodità. 

Come altri prodotti alimentari, il periodo di tempo per il quale si può conservare in sicurezza il latte materno dipenderà da dove lo si conserva: a temperatura ambiente, in frigorifero, nel congelatore. La regola generale? Massimo quattro ore a temperatura ambiente, purché non si superino i 25°C, 96 ore in frigorifero se fresco e 48 se scongelato, 12 mesi in freezer a -18°C, 24 ore in borsa termica con blocchetti refrigeranti.

Prima di utilizzare il latte, se refrigerato, lo si può scongelare a bagnomaria o con lo scaldabiberon; se congelato, deve prima essere scongelato a bagnomaria oppure sotto l’acqua corrente. Una volta scongelato non può essere ricongelato.

Seguendo queste semplici regole, l’allattamento al seno durante l’estate è sicuro. Esattamente come nei mesi più freddi.

Altri di questo autore

Telethon produrrà Strimvelis: come funziona il farmaco salvavita per bambini affetti da ADA-SCID

La Fondazione Telethon ha ultimato l’iter che le consentirà di produrre e distribuire Strimvelis, la terapia genica per la...

Antibiotico resistenza: cos’è e perché può essere pericolosa

Gli antibiotici sono farmaci usati per uccidere i batteri. Tuttavia, nel corso del tempo, alcuni gruppi di batteri potrebbero...

Oblio oncologico: cos’è e come può cambiare la vita agli ex malati di cancro

L’oblio oncologico è stato finalmente approvato alla Camera, e si appresta ad essere discusso in Senato. Se dovesse passare...

Telethon produrrà Strimvelis: come funziona il farmaco salvavita per bambini affetti da ADA-SCID

La Fondazione Telethon ha ultimato l’iter che le consentirà di produrre e distribuire Strimvelis, la terapia genica per la...

Antibiotico resistenza: cos’è e perché può essere pericolosa

Gli antibiotici sono farmaci usati per uccidere i batteri. Tuttavia, nel corso del tempo, alcuni gruppi di batteri potrebbero...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Inserzione pubblicitaria

Gli ultimi articoli

Sostituzione della valvola tricuspide via catetere: il primato del Monzino

La prima sostituzione in Italia della valvola tricuspide mediante catetere: questo importante traguardo è stato raggiunto al Centro Cardiologico Monzino, sotto la guida di...

Bonus Psicologo 2024: guida completa alla richiesta e ai benefici

Bonus Psicologo 2024: a partire dal 18 marzo 2024, sarà possibile presentare la richiesta per accedere al bonus psicologo attraverso il sito dell'INPS, un'iniziativa...

Risonanza magnetica cardiaca: più precisa con il software intelligente made in Italy

Come l’abilità nel “cogliere l’attimo” conta nella fotografia d’autore, così fino ad oggi è stata l’esperienza dell’operatore di radiologia a fare la differenza nella...

Non ti vuoi perdere i prossimi articoli?

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere, una volta al mese, la nostra selezione dei contenuti più interessanti!

Inserendo la mail accetti la Privacy Policy: ti terremo informato sui nostri prossimi contenuti. NON cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.

Ti è piaciuto questo articolo? 
Non perderti i prossimi!

Iscriviti alla newsletter per essere informato sulle prossime uscite e sulle iniziative esclusive a tema salute e medicina, riservate ai nostri iscritti.

Non cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.