Celiachia: nuove Linee Guida Nazionali per celiaci e dieta senza glutine

Recentemente, la Società Italiana di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva (SIGE), in collaborazione con altre società scientifiche, ha rilasciato le Linee Guida Nazionali per la diagnosi e terapia della celiachia. Queste linee guida sono cruciali per migliorare la diagnosi e il trattamento di questa condizione, soprattutto considerando che in Italia i casi stimati sono circa 600.000.

Diagnosi della Celiachia e nuove linee guida

Le nuove linee guida delineano un percorso diagnostico chiaro, che inizia con la ricerca degli anticorpi anti-transglutaminasi IgA e il dosaggio delle Immunoglobuline IgA totali. È fondamentale eseguire questi test a dieta libera, cioè senza aver preventivamente limitato o eliminato il glutine dalla dieta, per evitare falsi negativi. In alcuni casi selezionati, è possibile evitare la biopsia intestinale (ottenibile solo con la gastroesofagoduodenoscopia), soprattutto nei bambini con livelli elevati di anticorpi.

Una volta diagnosticata la celiachia, i pazienti dovrebbero continuare il follow-up presso un centro dedicato. Durante queste visite, si valuterà la remissione dei sintomi, la negativizzazione degli anticorpi e l’aderenza alla dieta senza glutine. La biopsia intestinale nel follow-up non è sempre necessaria, ma viene considerata in caso di mancata risposta ai trattamenti o nel sospetto di complicanze.

Dieta senza glutine: il cardine della terapia

La dieta senza glutine rimane la terapia principale per la celiachia. È essenziale che i pazienti imparino a evitare completamente e indefinitamente il glutine, senza eccezioni.

Il rigore nella dieta non deve però diventare una ‘fobia delle contaminazioni’. Il paziente celiaco – sottolinea il professor Federico Biagi, docente ordinario di Gastroenterologia dell’Università di Pavia, tra i curatori delle nuove Linee guida per la celiachia – ben informato e attento alla propria salute non può ingerire involontariamente una dose tossica di glutine”.

Sviluppo di nuove terapie per la celiachia

Oltre alla dieta senza glutine, ci sono ricerche in corso su farmaci che possono bloccare diversi punti della cascata patogenetica della malattia celiaca. Alcuni risultati sembrano promettenti, ma è necessario attendere ulteriori studi per definire la popolazione target e le modalità di utilizzo clinico.

La moda del “senza glutine”: sconsigliata dagli esperti in assenza di diagnosi chiara

Il mercato del senza glutine in Italia è valutato a circa 400 milioni di euro. Questo dato evidenzia anche l’adozione della dieta senza glutine da parte di non celiaci sulla scia della “moda” della dieta senza glutine, cui si ricorre per dimagrire, per “sentirsi più leggeri”, per emulare le abitudini alimentari di campioni sportivi o star dello spettacolo, diffuse attraverso i social media.

La raccomandazione di AIC è sempre di non mettersi a dieta in presenza di sintomi di celiachia prima di aver completato l’iter di diagnosi, che si rende impossibile se il paziente è a dieta senza glutine”, afferma Rossella Valmarana, presidente della Associazione Italiana Celiachia (AIC)

A proposito di queste nuove Linee Guida Nazionali per la celiachia, AIC le considera uno strumento vitale per unificare le pratiche diagnostiche e terapeutiche in Italia. L’importanza della loro diffusione può essere infatti cruciale per garantire a tutti i pazienti il diritto alla diagnosi, alla cura e a un follow-up adeguato.

Scarica qui le nuove linee guida nazionali per la celiachia.

Altri di questo autore

Tumore al seno: con la crioablazione si elimina il bisturi

La crioablazione emerge come una promettente alternativa alla classica chirurgia con bisturi per il trattamento del tumore al seno,...

Protesi Hi-Tech sensibili al calore: innovazione all’Università e Politecnico di Bari

Le protesi del futuro, capaci di riprodurre il senso del tatto, del calore e del freddo, sono in fase...

Reflusso gastroesofageo: quali i migliori rimedi?

Oggi celebriamo la Giornata Mondiale della Salute Digestiva, un'occasione importante per sensibilizzare sull'importanza della salute digestiva come tassello per...

Tumore al seno: con la crioablazione si elimina il bisturi

La crioablazione emerge come una promettente alternativa alla classica chirurgia con bisturi per il trattamento del tumore al seno,...

Protesi Hi-Tech sensibili al calore: innovazione all’Università e Politecnico di Bari

Le protesi del futuro, capaci di riprodurre il senso del tatto, del calore e del freddo, sono in fase...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Inserzione pubblicitaria

Gli ultimi articoli

10 Anni di International Yoga Day: festa della Luce, della Connessione e della Trasformazione

Sono passati 10 anni da quel giugno 2014 quando l’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) ha accolto la richiesta del premier indiano Narendra Modi di...

Tumore al seno: con la crioablazione si elimina il bisturi

La crioablazione emerge come una promettente alternativa alla classica chirurgia con bisturi per il trattamento del tumore al seno, di piccole dimensioni (fino a...

Italiani, popolo di sportivi tecnologici

Metà degli italiani pratica attività fisica e l'uso della tecnologia nel fitness è sempre più diffuso. Secondo un’indagine dell’Osservatorio Sanità di UniSalute e Nomisma,...

Non ti vuoi perdere i prossimi articoli?

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere, una volta al mese, la nostra selezione dei contenuti più interessanti!

Inserendo la mail accetti la Privacy Policy: ti terremo informato sui nostri prossimi contenuti. NON cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.

Ti è piaciuto questo articolo? 
Non perderti i prossimi!

Iscriviti alla newsletter per essere informato sulle prossime uscite e sulle iniziative esclusive a tema salute e medicina, riservate ai nostri iscritti.

Non cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.