Villa Berica: il primo intervento al mondo su un paziente anziano affetto da doppia patologia degenerativa

Lo scorso lunedì 24 maggio, a Villa Berica è andato in scena un intervento unico al mondo. La struttura vicentina del Gruppo GHC è diventata sede del primo intervento mai realizzato con tecnica mininvasiva su un paziente over 60 affetto da doppia patologia degenerativa. Un intervento, questo, che diventa un’opportunità per i pazienti non più giovani colpiti da patologie simili.

Intervento chirurgico per una doppia patologia degenerativa: il primato di Villa Berica

Ospedale polispecialistico specializzato in chirurgia generale e medicina interna, Villa Berica è un centro d’eccellenza nel campo della diabetologia. E, soprattutto, nella prevenzione e nella cura delle complicanze che il diabete causa agli arti inferiori come il piede diabetico. Riferimento nazionale AMIS (Anterior Minimally Invasive Surgery) per la chirurgia protesica dell’anca, e centro di riferimento regionale per l’osteoporosi e le malattie metaboliche dell’osso, negli ultimi anni ha investito molto in tecnologia. E ha raggiunto risultati eccellenti.

È il caso di quest’ultimo intervento, eseguito su un paziente di 71 anni affetto da doppia patologia degenerativa (della colonna vertebrale e dell’anca). L’uomo, sottoposto ad un’accurata valutazione medica che ne ha stabilito l’idoneità, è stato sottoposto ad una duplice operazione durata 4 ore e trenta minuti, eseguita in anestesia generale. Le tecniche mininvasive hanno permesso un unico percorso postoperatorio, con una ripresa estremamente rapida. Ventiquattro ore dopo l’intervento, il paziente si è rialzato, ha camminato autonomamente con l’aiuto di un deambulatore ed è stato sottoposto alla prima seduta di fisioterapia, superata senza criticità.

Realizzato da un’equipe di neurochirurghi guidata dal Dr. Christian Capuano e da un’equipe di ortopedici guidata dal Dr. Enrico Rasia Dani, l’intervento è il primo al mondo di questo genere eseguito su un paziente con più di 60 anni. La procedura, estremamente innovativa, conferma la capacità delle strutture del Gruppo GHC di condividere competenze e abilità dei propri professionisti al servizio del territorio e del paziente, posto sempre al centro del sistema.

Altri di questo autore

Come i tappi di plastica possono aiutare le donne malate di cancro

A volte la plastica "fa bene". L'iniziativa dello IOV insieme all'Associazione Volontari Ospedalieri che coniuga sostenibilità e solidarietà alle donne malate di cancro

Cachessia neoplastica, VIMM e UNIPD ne hanno individuato le cause

Quando un tumore cresce, provoca significativi cambiamenti funzionali, strutturali e metabolici all’interno dei tessuti del corpo umano. Cambiamenti che...

Diabete, ecco il microscopico robot che produce insulina nel corpo

Un robot che genera insulina direttamente nel corpo umano: oggi è realtà con PILLSID (PILl-refiLled implanted System for Intraperitoneal...

Come i tappi di plastica possono aiutare le donne malate di cancro

A volte la plastica "fa bene". L'iniziativa dello IOV insieme all'Associazione Volontari Ospedalieri che coniuga sostenibilità e solidarietà alle donne malate di cancro

Cachessia neoplastica, VIMM e UNIPD ne hanno individuato le cause

Quando un tumore cresce, provoca significativi cambiamenti funzionali, strutturali e metabolici all’interno dei tessuti del corpo umano. Cambiamenti che...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Inserzione pubblicitaria

Gli ultimi articoli

Giornata Mondiale dell’Aids, Covid ferma ricerca e prevenzione

Oggi è la Giornata Mondiale dell'AIDS, un'opportunità importante per parlare e riflettere sulla cura e prevenzione di questa malattia

Parkinson: un nuovo approccio terapeutico con la stimolazione dopaminergica

In occasione della Giornata Nazionale del Parkinson è stata presentata una nuova terapia per combattere questa insidiosa malattia

All’Istituto Oncologico Veneto (IOV) il nuovo acceleratore hi-tech per la radioterapia adattiva

Segue e si adatta, passo per passo, ai cambiamenti che intervengono sul singolo paziente, con terapie sempre più personalizzate e calibrate, l’acceleratore “Ethos”, il...

Non ti vuoi perdere i prossimi articoli?

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere, una volta al mese, la nostra selezione dei contenuti più interessanti!

Inserendo la mail accetti la Privacy Policy: ti terremo informato sui nostri prossimi contenuti. NON cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.

Ti è piaciuto questo articolo? 
Non perderti i prossimi!

Iscriviti alla newsletter per essere informato sulle prossime uscite e sulle iniziative esclusive a tema salute e medicina, riservate ai nostri iscritti.

Non cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.