Villa Berica: il primo intervento al mondo su un paziente anziano affetto da doppia patologia degenerativa

Lo scorso lunedì 24 maggio, a Villa Berica è andato in scena un intervento unico al mondo. La struttura vicentina del Gruppo GHC è diventata sede del primo intervento mai realizzato con tecnica mininvasiva su un paziente over 60 affetto da doppia patologia degenerativa. Un intervento, questo, che diventa un’opportunità per i pazienti non più giovani colpiti da patologie simili.

Intervento chirurgico per una doppia patologia degenerativa: il primato di Villa Berica

Ospedale polispecialistico specializzato in chirurgia generale e medicina interna, Villa Berica è un centro d’eccellenza nel campo della diabetologia. E, soprattutto, nella prevenzione e nella cura delle complicanze che il diabete causa agli arti inferiori come il piede diabetico. Riferimento nazionale AMIS (Anterior Minimally Invasive Surgery) per la chirurgia protesica dell’anca, e centro di riferimento regionale per l’osteoporosi e le malattie metaboliche dell’osso, negli ultimi anni ha investito molto in tecnologia. E ha raggiunto risultati eccellenti.

È il caso di quest’ultimo intervento, eseguito su un paziente di 71 anni affetto da doppia patologia degenerativa (della colonna vertebrale e dell’anca). L’uomo, sottoposto ad un’accurata valutazione medica che ne ha stabilito l’idoneità, è stato sottoposto ad una duplice operazione durata 4 ore e trenta minuti, eseguita in anestesia generale. Le tecniche mininvasive hanno permesso un unico percorso postoperatorio, con una ripresa estremamente rapida. Ventiquattro ore dopo l’intervento, il paziente si è rialzato, ha camminato autonomamente con l’aiuto di un deambulatore ed è stato sottoposto alla prima seduta di fisioterapia, superata senza criticità.

Realizzato da un’equipe di neurochirurghi guidata dal Dr. Christian Capuano e da un’equipe di ortopedici guidata dal Dr. Enrico Rasia Dani, l’intervento è il primo al mondo di questo genere eseguito su un paziente con più di 60 anni. La procedura, estremamente innovativa, conferma la capacità delle strutture del Gruppo GHC di condividere competenze e abilità dei propri professionisti al servizio del territorio e del paziente, posto sempre al centro del sistema.

Altri di questo autore

Cachessia neoplastica, VIMM e UNIPD ne hanno individuato le cause

Quando un tumore cresce, provoca significativi cambiamenti funzionali, strutturali e metabolici all’interno dei tessuti del corpo umano. Cambiamenti che...

Diabete, ecco il microscopico robot che produce insulina nel corpo

Un robot che genera insulina direttamente nel corpo umano: oggi è realtà con PILLSID (PILl-refiLled implanted System for Intraperitoneal...

Pandemie: 38% di possibilità d’incontrarle nel corso della vita

Le epidemie di intensità estrema sono più frequenti di quanto ci si potrebbe attendere. A dirlo è lo studio...

Cachessia neoplastica, VIMM e UNIPD ne hanno individuato le cause

Quando un tumore cresce, provoca significativi cambiamenti funzionali, strutturali e metabolici all’interno dei tessuti del corpo umano. Cambiamenti che...

Diabete, ecco il microscopico robot che produce insulina nel corpo

Un robot che genera insulina direttamente nel corpo umano: oggi è realtà con PILLSID (PILl-refiLled implanted System for Intraperitoneal...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Inserzione pubblicitaria

Gli ultimi articoli

Tumori: speranza di cura dalla rieducazione cellulare

I tumori sono una delle patologie più difficili da curare. Una speranza arriva dal Prof. Pier Mario Biava e i suoi studi sulla rieducazione cellulare

Salute mentale: investimento e sfida per il futuro

Mens sana in corpore sano?Purtroppo non è sempre così, cosa rende difficile il riconoscimento dei disturbi della mente, e perché si parla ancora troppo poco della salute mentale?

Vulvodinia: il dolore ha i giorni contati

La Vulvodinia è un dolore cronico che colpisce tantissime donne, di cui si sa ancora troppo poco. Il Metodo Mind-Body può attenuarne i sintomi

Non ti vuoi perdere i prossimi articoli?

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere, una volta al mese, la nostra selezione dei contenuti più interessanti!

Inserendo la mail accetti la Privacy Policy: ti terremo informato sui nostri prossimi contenuti. NON cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.

Ti è piaciuto questo articolo? 
Non perderti i prossimi!

Iscriviti alla newsletter per essere informato sulle prossime uscite e sulle iniziative esclusive a tema salute e medicina, riservate ai nostri iscritti.

Non cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.