Aneurisma dell’aorta addominale: la prevenzione a Padova

Prato della Valle di Padova. Una delle più grandi piazze d’Europa è, ancora una volta, protagonista della prevenzione medica gratuita. Questa volta dedicata alla diagnosi tempestiva dell’aneurisma dell’aorta addominale.

Ieri, a bordo dell’unità mobile di Medtronic (società leader nelle tecnologie diagnostiche e terapeutiche in più branche specialistiche), medici e docenti universitari dell’Azienda Ospedale Università Padova hanno eseguito visite ed ecografie gratuite ad accesso libero, oltre a fornire materiale informativo e suggerimenti di prevenzione.

Aneurisma dell’aorta addominale: che cos’è e quando può svilupparsi?

L’aneurisma aortico addominale causa 6mila decessi ogni anno in Italia. Il rischio è maggiore per i maschi, cresce con l’età e la diagnosi precoce è essenziale per intervenire tempestivamente, nella maggior parte dei casi in modo completamente risolutivo.

L’aorta è il principale vaso sanguigno del corpo e si estende dal cuore attraverso il torace e attraverso l’addome, dove si divide per fornire sangue alle gambe. L’aneurisma è causato dalla dilatazione di un’arteria, di solito causata dalla degenerazione della sua parete.

Tuttavia, la maggior parte delle persone che hanno un aneurisma dell’aorta addominale non presentano alcun sintomo. La dilatazione cresce infatti lentamente e passa inosservata perché indolore. Quando le dimensioni crescono oltre una soglia critica e la parete aortica degenera, può avvenire una rottura. La rottura diventa la complicazione più importante e può portare anche a conseguenze molto gravi. La patologia colpisce prevalentemente le persone di età superiore ai 65 anni e ha maggiore incidenza negli uomini rispetto alle donne. I principali fattori di rischio sono il fumo, l’ipertensione e la familiarità.

Non a caso, il professor Franco Grego, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Vascolare dell’Azienda Ospedale Università Padova lancia un appello alla popolazione: “L’aneurisma è un killer spesso non abbastanza conosciuto. Bisogna fare prevenzione: talvolta basta una visita specialistica di chirurgia vascolare ed un’ecografia a salvare una vita”. 

#HereForYou: la campagna di prevenzione dell’aneurisma dell’aorta addominale di Medtronic

#HereForYou, è un’iniziativa europea partita lo scorso 19 aprile dall’Olanda, fermandosi in Belgio, UK, Spagna, Portogallo e arrivata il 21 giugno in Italia dove resterà fino ad oggi, 1° luglio, dopo aver percorso 9 tappe in 6 città: Roma, Napoli, Padova, Bologna, Bari e Milano. Proseguirà poi in Svizzera e Germania. 

Il tutte le tappe Medtronic ha messo a disposizione il suo team di specialisti della patologia aortica all’intero di una speciale unità mobile che ha sostato nelle principali piazze d’Italia.

L’Unità Mobile di Medtronic si è messa a disposizione dei cittadini che hanno potuto ricevere materiale informativo su questa patologia e informazioni sui fattori di rischio, su come prevenirla e sull’importanza dello screening.

Non solo prevenzione e informazione gratuita per i cittadini ma, all’interno della speciale unità mobile, si è fatta anche formazione e aggiornamento ai clinici e agli specializzandi, sulle nuove tecniche di trattamento di questa patologia.

“Un’iniziativa europea dalla duplice finalità – spiega Nicolantonio Rutigliano, Senior Business Manager Aortic di Medtronic Italia. Da un lato quella di supportare la comunità scientifica e gli specializzandi con un’attività di formazione sul trattamento di questa patologia e sull’importanza dell’innovazione tecnologica a beneficio dell’esito clinico.

Dall’altro, quella di sensibilizzare l’opinione pubblica e i pazienti sull’importanza della diagnosi precoce per contrastare una patologia silente, come l’aneurisma aortico addominale, che si associa a un elevato rischio di mortalità, a conferma della nostra missione di alleviare il dolore, ridare la salute e prolungare la vita dei nostri pazienti”. 

Altri di questo autore

Emma Mazzenga, l’89 enne che macina ancora record nell’atletica

Classe 1933 per l’atleta padovana Emma Mazzenga, che con il suo primato mondiale, i cinque primati europei e le...

La candid camera di Fondazione Veronesi per la prevenzione maschile

L’ironia è una delle risorse più preziose per affrontare la vita. Ed è proprio la chiave ironica quella scelta...

Geometria e frattali per comprendere le malattie genetiche: lo studio

La complessità dei frattali, al centro di un nuovo studio dell'Università di Padova e del Consiglio nazionale delle ricerche per comprendere il DNA umano

Emma Mazzenga, l’89 enne che macina ancora record nell’atletica

Classe 1933 per l’atleta padovana Emma Mazzenga, che con il suo primato mondiale, i cinque primati europei e le...

La candid camera di Fondazione Veronesi per la prevenzione maschile

L’ironia è una delle risorse più preziose per affrontare la vita. Ed è proprio la chiave ironica quella scelta...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Inserzione pubblicitaria

Gli ultimi articoli

Parkinson: un nuovo approccio terapeutico con la stimolazione dopaminergica

In occasione della Giornata Nazionale del Parkinson è stata presentata una nuova terapia per combattere questa insidiosa malattia

All’Istituto Oncologico Veneto (IOV) il nuovo acceleratore hi-tech per la radioterapia adattiva

Segue e si adatta, passo per passo, ai cambiamenti che intervengono sul singolo paziente, con terapie sempre più personalizzate e calibrate, l’acceleratore “Ethos”, il...

A Padova due nuove sale operatorie ibride

L'area chirurgica dell’Azienda Ospedale Università Padova si arricchisce di due nuove sale operatorie ibride. Inaugurate nei giorni scorsi, alla presenza del Presidente della Regione...

Non ti vuoi perdere i prossimi articoli?

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere, una volta al mese, la nostra selezione dei contenuti più interessanti!

Inserendo la mail accetti la Privacy Policy: ti terremo informato sui nostri prossimi contenuti. NON cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.

Ti è piaciuto questo articolo? 
Non perderti i prossimi!

Iscriviti alla newsletter per essere informato sulle prossime uscite e sulle iniziative esclusive a tema salute e medicina, riservate ai nostri iscritti.

Non cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.