Padova, ricercatori del VIMM e dell’Università scoprono i marcatori di una rara forma di leucemia

I ricercatori dell’Istituto Veneto di Medicina Molecolare (VIMM) e dell’Università degli Studi di Padova hanno messo a punto di recente una nuova importante scoperta, individuando dei nuovi marcatori utili per seguire l’evoluzione e identificare i sottotipi di una rara forma di leucemia

Le scoperte sono state pubblicate in un articolo dal titolo, “Defining TCRγδ lymphoproliferative disorders by combined immunophenotypic and molecular evaluation” sulla prestigiosa rivista scientifica internazionale Nature Communications. La prima autrice dell’articolo è la Dott.ssa Antonella Teramo (VIMM e Università degli Studi di Padova). Grazie a questi dati, ora è possibile identificare dei nuovi marcatori utili alle analisi diagnostiche e per fornire una terapia più precisa ed efficace per i pazienti affetti dalla leucemia a grandi linfociti granulati di tipo Tγδ (Tγδ Large Granular Lymphocyte leukemia, Tγδ LGLL).

Il gruppo di ricerca è stato coordinato dal Prof. Renato Zambello, dal Prof. Giampietro Semenzato, Direttore Scientifico del VIMM e dal Dipartimento di Ematologia e Immunologia Clinica diretto dal Prof. Livio Trentin. Lo studio è stato svolto in collaborazione con la Prof.ssa Stefania Bortoluzzi (Università di Padova, Dipartimento di Medicina Molecolare), la Prof.ssa Sara Galimberti (Direttrice UO Ematologia Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana) e il Prof. Enrico Tiacci (Università degli Studi di Perugia, Dipartimento di Medicina e Chirurgia).

Che cos’è la leucemia di tipo Tγδ?

La Tγδ LGLL è una rara forma di leucemia, ancora poco studiata. La scarsità dei dati statistici disponibili è legata proprio alla sua estrema rarità. 

Inoltre, è anche difficile da individuare perché può presentarsi in forma asintomatica o in forma severa. In questi casi, la diagnosi diventa forse anche più difficile, perché, spesso, la Tγδ LGLL viene scambiata per un linfoma altamente aggressivo, con cui questa malattia condivide alcune caratteristiche. Il problema però è che le due malattie hanno bisogno di trattamenti terapeutici differenti. In questo senso è evidente che la scoperta dei nuovi marcatori risulta fondamentale per un’identificazione precisa della leucemia.

Come è stato svolto lo studio

I ricercatori coinvolti nello studio hanno applicato tecniche di ultima generazione e si sono avvalsi di moltissime competenze scientifiche offerte dai centri di ricerca che hanno partecipato. Così facendo, è stato possibile studiare un’ampia casistica di pazienti affetti da Tγδ LGLL, identificando le caratteristiche biologiche e i tipi di analisi necessari per una diagnosi corretta della malattia e per individuarne l’andamento, asintomatico o meno.

marcatori leucemia
La Dott.ssa Antonella Teramo

In una nota dell’Università degli Studi di Padova, la Dott.ssa Teramo, Responsabile dello studio commenta: «La novità di questo studio riguarda laver identificato nuovi marcatori per distinguere con chiarezza i tipi di malattie da cui sono affetti i pazienti, fornendo così ai medici che si ritrovano di fronte a casi di questa leucemia poco conosciuta la strategia da applicare e le caratteristiche cruciali per riconoscerne la variante e le sotto-varianti».

II Prof. Semenzato, Direttore Scientifico del VIMM sottolinea inoltre: «Lo studio ha portato alla luce interessanti dati che ci permettono di fare un passo in avanti nella comprensione dei meccanismi che portano allinsorgenza di questa malattia, la cui causa iniziale rimane a oggi sconosciuta».

Lo studio è stato reso possibile grazie al sostegno di Fondazione AIRC per la Ricerca sul Cancro, del MIUR (Ministero dell’Istruzione) tramite il finanziamento dei Progetti di Rilevante Interesse Nazionale (PRIN) e dalla Società Italiana di Ematologia Sperimentale (SIES), che ha finanziato un periodo di ricerca della Dott.ssa Antonella Teramo presso il centro di ricerca di Perugia.

Altri di questo autore

All’Istituto Oncologico Veneto (IOV) il nuovo acceleratore hi-tech per la radioterapia adattiva

Segue e si adatta, passo per passo, ai cambiamenti che intervengono sul singolo paziente, con terapie sempre più personalizzate...

A Padova due nuove sale operatorie ibride

L'area chirurgica dell’Azienda Ospedale Università Padova si arricchisce di due nuove sale operatorie ibride. Inaugurate nei giorni scorsi, alla...

Vertebra di Galileo Galilei: svelati i suoi segreti

Settanta scansioni per un totale di quasi 10 milioni di punti per la stampa in 3D della vertebra di...

All’Istituto Oncologico Veneto (IOV) il nuovo acceleratore hi-tech per la radioterapia adattiva

Segue e si adatta, passo per passo, ai cambiamenti che intervengono sul singolo paziente, con terapie sempre più personalizzate...

A Padova due nuove sale operatorie ibride

L'area chirurgica dell’Azienda Ospedale Università Padova si arricchisce di due nuove sale operatorie ibride. Inaugurate nei giorni scorsi, alla...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Inserzione pubblicitaria

Gli ultimi articoli

Parkinson: un nuovo approccio terapeutico con la stimolazione dopaminergica

In occasione della Giornata Nazionale del Parkinson è stata presentata una nuova terapia per combattere questa insidiosa malattia

All’Istituto Oncologico Veneto (IOV) il nuovo acceleratore hi-tech per la radioterapia adattiva

Segue e si adatta, passo per passo, ai cambiamenti che intervengono sul singolo paziente, con terapie sempre più personalizzate e calibrate, l’acceleratore “Ethos”, il...

A Padova due nuove sale operatorie ibride

L'area chirurgica dell’Azienda Ospedale Università Padova si arricchisce di due nuove sale operatorie ibride. Inaugurate nei giorni scorsi, alla presenza del Presidente della Regione...

Non ti vuoi perdere i prossimi articoli?

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere, una volta al mese, la nostra selezione dei contenuti più interessanti!

Inserendo la mail accetti la Privacy Policy: ti terremo informato sui nostri prossimi contenuti. NON cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.

Ti è piaciuto questo articolo? 
Non perderti i prossimi!

Iscriviti alla newsletter per essere informato sulle prossime uscite e sulle iniziative esclusive a tema salute e medicina, riservate ai nostri iscritti.

Non cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.