Cuore artificiale di ultima generazione: un passo avanti nella salute cardiaca

Il Centro Cardiologico Monzino ha compiuto un notevole progresso nell’ambito della salute cardiaca con l’impianto di 35 cuori artificiali di successo, di cui otto sono i dispositivi HeartMate 3, riconosciuti come i più avanzati a livello internazionale. Questi dispositivi rivoluzionari sfruttano la tecnologia di levitazione magnetica per minimizzare le complicanze e ripristinare il flusso sanguigno, rappresentando un punto di svolta nella gestione delle insufficienze cardiache.

Cuori Artificiali: una soluzione vitale

I cuori artificiali, noti come VAD (Ventricular Assistance Device), fungono da “pompe del sangue” che contribuiscono al funzionamento del ventricolo cardiaco, in particolare quello sinistro, garantendo una distribuzione efficace del sangue in tutto il corpo. Questi dispositivi miniaturizzati sono collocati all’interno del torace e forniscono un supporto vitale all’azione cardiaca.

Il Prof. Piergiuseppe Agostoni, Direttore della Cardiologia Critica del Monzino, spiega l’importanza dei VAD: “Lo scompenso cardiaco grave rappresenta l’incapacità del cuore di svolgere le sue funzioni vitali in modo adeguato. Fino a qualche decennio fa, l’unico rimedio era il trapianto di cuore, che presenta limiti significativi. Per questo motivo, la ricerca si è concentrata sui VAD, in particolare su dispositivi all’avanguardia come l’HeartMate 3.”

HeartMate 3: tecnologia innovativa per una maggiore sicurezza

Gli HeartMate 3 si distinguono per l’utilizzo di tecnologie avanzate di propulsione del sangue basate su campi magnetici, garantendo maggiore durata e sicurezza rispetto alle soluzioni del passato. Questi dispositivi, notevolmente compatti, sono alimentati da batterie portatili simili a una cintura. Inoltre, sono in fase di sperimentazione ricariche wireless, eliminando la necessità di batterie esterne.

L’impianto di un VAD è il risultato di un lavoro di squadra multidisciplinare, che va dalla selezione del paziente al follow-up nel tempo. Coinvolge esperti di cardiologia, imaging ed emodinamica, psicologi, anestesisti rianimatori e cardiochirurghi, assicurando un trattamento completo e personalizzato.

Il Prof. Agostoni sottolinea il cambiamento di prospettiva nel trattamento delle insufficienze cardiache: “I VAD non sono più considerati solo una soluzione temporanea in attesa di un trapianto, ma una terapia a lungo termine che può sostituire il trapianto stesso. Le performance dei VAD migliorano costantemente grazie all’evoluzione tecnologica. La sopravvivenza media dei pazienti con VAD a lungo termine è ora di circa 5 anni, rispetto a una precedente attesa di 6 mesi. Tuttavia, la situazione di ciascun paziente è unica, e la scelta di un VAD dipende dalle condizioni specifiche.”

I cuori artificiali rappresentano una pietra miliare nella gestione delle insufficienze cardiache, offrendo ai pazienti una nuova speranza e una migliore qualità di vita. L’HeartMate 3 e altre tecnologie simili promettono di migliorare ulteriormente la salute cardiaca e la prospettiva di vita dei pazienti, aprendo nuovi orizzonti nel campo della medicina cardiovascolare.

Altri di questo autore

Circular Medical Expo: l’innovazione biomedica a Padova

La prima edizione della Circular Medical Expo, un evento dedicato all'innovazione nel settore biomedicale, si terrà il 18 e...

Settimana della Tiroide 2024 a Padova: visite gratuite e informazione

La U.O.C. di Endocrinologia del Dipartimento di Medicina dell’Azienda Ospedale Università Padova, con il supporto della Regione del Veneto,...

La prevenzione a Padova: ostacolata da tempi d’attesa e costi

Secondo l'ultima indagine condotta dall'Osservatorio Sanità di UniSalute in collaborazione con Nomisma, solo il 39% dei padovani monitora la...

Circular Medical Expo: l’innovazione biomedica a Padova

La prima edizione della Circular Medical Expo, un evento dedicato all'innovazione nel settore biomedicale, si terrà il 18 e...

Settimana della Tiroide 2024 a Padova: visite gratuite e informazione

La U.O.C. di Endocrinologia del Dipartimento di Medicina dell’Azienda Ospedale Università Padova, con il supporto della Regione del Veneto,...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Inserzione pubblicitaria

Gli ultimi articoli

Circular Medical Expo: l’innovazione biomedica a Padova

La prima edizione della Circular Medical Expo, un evento dedicato all'innovazione nel settore biomedicale, si terrà il 18 e 19 novembre 2024 nel quartiere...

Settimana della Tiroide 2024 a Padova: visite gratuite e informazione

La U.O.C. di Endocrinologia del Dipartimento di Medicina dell’Azienda Ospedale Università Padova, con il supporto della Regione del Veneto, è lieta di annunciare l'arrivo...

I padovani sono a dieta ma solo il 13% si affida a specialisti

Il buon cibo è da sempre parte della cultura italiana, e la cucina padovana non fa eccezione. Ma quanto sono consapevoli i padovani dell'importanza...

Non ti vuoi perdere i prossimi articoli?

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere, una volta al mese, la nostra selezione dei contenuti più interessanti!

Inserendo la mail accetti la Privacy Policy: ti terremo informato sui nostri prossimi contenuti. NON cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.

Ti è piaciuto questo articolo? 
Non perderti i prossimi!

Iscriviti alla newsletter per essere informato sulle prossime uscite e sulle iniziative esclusive a tema salute e medicina, riservate ai nostri iscritti.

Non cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.