Malattie Infiammatorie Intestinali: consigli per viaggiare in sicurezza

Le Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali (MICI) rappresentano una sfida significativa per i pazienti, soprattutto quando si tratta di pianificare viaggi e vacanze. Tuttavia, grazie ai consigli forniti dai gastroenterologi AIGO (Associazione Italiana Gastroenterologi ed Endoscopisti Ospedalieri) e l’associazione AMICI Italia, viaggiare diventa una possibilità per i pazienti con MICI. In questo articolo, esploreremo i suggerimenti chiave forniti dai medici per affrontare i viaggi in sicurezza e gestire adeguatamente la terapia farmacologica.

Viaggiare con le malattie infiammatorie intestinali: considerazioni e consigli

dott.ssa Maria Cappello

Le Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali (MICI), tra cui la malattia di Crohn e la colite ulcerosa, rappresentano patologie croniche e ricorrenti che colpiscono migliaia di italiani. I sintomi caratteristici, come crampi addominali, stanchezza cronica e sanguinamenti, possono rendere il viaggio una sfida per i pazienti.

“Il viaggio invece non è considerato controindicato se pianificato in modo opportuno e nel rispetto delle proprie condizioni, mentre la rinuncia a priori ha un effetto negativo sulla qualità della vita”, afferma Salvo Leone Direttore di AMICI Italia (Associazione Malattie Infiammatorie Croniche dell’Intestino) che ha dato voce alle numerose domande dei pazienti aspiranti viaggiatori, a cui ha risposto la Dott.ssa Maria Cappello, gastroenterologa, responsabile dell’Ambulatorio MICI del Policlinico di Palermo e Consigliere Nazionale dell’AIGO

Pianificare il viaggio in base alla condizione attuale

Viaggiare durante una riacutizzazione dei sintomi o subito dopo un intervento chirurgico potrebbe non essere sicuro per i pazienti con MICI. Tuttavia, se la malattia è in remissione grazie alla terapia, il viaggio può essere preso in considerazione. Consultarsi con il proprio medico gastroenterologo è essenziale per valutare se il viaggio è appropriato e sicuro in base alla situazione individuale del paziente.

Continuare la terapia di mantenimento e prendere precauzioni

Durante il viaggio, è fondamentale continuare la terapia di mantenimento prescritta dal medico per ridurre il rischio di riacutizzazioni. Portare con sé una copia del piano terapeutico e delle prescrizioni dei farmaci è altrettanto importante, poiché l’accesso ai farmaci può essere difficile in alcuni paesi senza prescrizione medica. Inoltre, se il paziente assume farmaci biologici o terapie topiche, è consigliabile ottenere una certificazione medica che attesti la necessità di trasportare tali farmaci nel bagaglio a mano.

Riconoscere i sintomi e prepararsi per le emergenze

Essere consapevoli dei propri sintomi e sapere come riconoscere una riacutizzazione dei campanelli d’allarme delle Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali è essenziale durante il viaggio. Identificare gli ospedali più vicini alla destinazione e avere a disposizione numeri di emergenza può essere utile in caso di bisogno. Inoltre, per i pazienti che assumono farmaci immunosoppressivi, è importante prestare attenzione a segnali di avvertimento di possibili infezioni e cercare immediatamente assistenza medica se necessario.

Precauzioni riguardo all’acqua e all’igiene locale

Durante i viaggi all’estero, i pazienti con MICI, Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali, devono prestare particolare attenzione all’acqua potabile e all’igiene locale. Il rischio di contrarre infezioni intestinali può essere maggiore in alcuni paesi con situazioni igieniche o reti idriche inadeguate. Pertanto, è consigliabile seguire alcune precauzioni generali:

  • Bere sempre acqua in bottiglia e utilizzarla anche per lavarsi i denti.
  • Evitare di inghiottire acqua facendosi la doccia, in piscina e anche in mare.
  • Evitare il ghiaccio nelle bibite o nei cocktail e anche il gelato.
  • Evitare cibi crudi, verdure o frutta fresche anche se lavate.
  • Bere bevande gassate, in lattina o bottiglia e chiuse ermeticamente.
  • Non acquistare cibo da ambulanti.
  • Evitare i latticini se non si è sicuri che siano pastorizzati.
  • Alcoolici o cibi piccanti possono essere stimolanti della motilità intestinale e quindi peggiorare i sintomi.
  • Non sperimentare il consumo di pietanze e alimenti senza una adeguata informazione su provenienza e metodi di cottura.

Scelta della destinazione e consigli per il viaggio

La scelta della destinazione del viaggio dovrebbe essere basata sulla severità della malattia e sulle esigenze individuali del paziente. Visitare una capitale europea, ad esempio, potrebbe rappresentare un viaggio meno avventuroso ma più sicuro rispetto a un safari in Africa. Il mezzo di trasporto utilizzato, come aereo, treno, nave o automobile, dovrebbe essere selezionato tenendo conto della comodità di accesso alle toilette, soprattutto per i pazienti che soffrono di diarrea frequente.

“I gastroenterologi che prendono in carico i pazienti con MICI – aggiunge il Presidente di AIGO, Dott Marco Soncini – sono gli interlocutori preferenziali e il paziente non deve essere riluttante a porre domande che riguardano una vacanza perché un’occasione piacevole di svago e a volte di crescita culturale senza le adeguate informazioni può diventare un incubo”. “Non dimenticate inoltre – conclude Salvo Leone, direttore di AMICI Italia – che associazioni di pazienti, sia nazionali come AMICI che internazionali come EFFCA, sono una fonte affidabile di informazioni “.

Altri di questo autore

La sostenibilità del sistema salute: un focus a Padova

Ha preso il via quest’oggi la terza edizione di Duezerocinquezero, il Forum nazionale sull’energia e la sostenibilità in programma...

Salute Femminile: l’open week di screening e iniziative gratuite

In occasione della 9° Giornata Nazionale della Salute della Donna, che si terrà il 22 aprile 2024, Prodeco Pharma...

L’innovativa tecnologia per lo screening dei tumori con il respiro arriva da Bari

In un futuro non lontano, diagnosticare tumori e malattie gravi potrebbe essere semplice come soffiare in un piccolo tubicino,...

La sostenibilità del sistema salute: un focus a Padova

Ha preso il via quest’oggi la terza edizione di Duezerocinquezero, il Forum nazionale sull’energia e la sostenibilità in programma...

Salute Femminile: l’open week di screening e iniziative gratuite

In occasione della 9° Giornata Nazionale della Salute della Donna, che si terrà il 22 aprile 2024, Prodeco Pharma...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Inserzione pubblicitaria

Gli ultimi articoli

Ipertermia oncologica: a Padova, in Veneto, un centro specializzato

Ipertermia oncologica: in Veneto il Centro specializzato Gruppo Medico Serena L'ipertermia oncologica è una strategia terapeutica ormai consolidata per la lotta ai tumori, che prevede...

Farmaci e ambiente: una relazione complicata

I farmaci sono fondamentali per la cura delle persone e oggetto di costante avanzamento tecnologico, nel nome della ricerca scientifica e del benessere collettivo....

Testamento Biologico: urgente bisogno d’informazione tra gli Italiani

Il dibattito sul testamento biologico sta assumendo nuove dimensioni in Italia, dove il Parlamento sta valutando proposte che potrebbero limitarne la portata. Una recente...

Non ti vuoi perdere i prossimi articoli?

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere, una volta al mese, la nostra selezione dei contenuti più interessanti!

Inserendo la mail accetti la Privacy Policy: ti terremo informato sui nostri prossimi contenuti. NON cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.

Ti è piaciuto questo articolo? 
Non perderti i prossimi!

Iscriviti alla newsletter per essere informato sulle prossime uscite e sulle iniziative esclusive a tema salute e medicina, riservate ai nostri iscritti.

Non cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.