Un nuovo test per svelare il Parkinson e demenza da corpi di Lewy, prima dei sintomi

Un gruppo di ricercatori delle Università di Bologna e Lund e dell’IRCCS – Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna, ha sperimentato con successo un innovativo test sul liquido cerebrospinale che può rivelare la presenza della malattia da corpi di Lewy, tra cui il morbo di Parkinson e la demenza, prima della comparsa dei sintomi motori e cognitivi. Questo successo potrebbe rivoluzionare la diagnosi precoce e la prognosi per i pazienti affetti da queste gravi malattie neurodegenerative.

Una nuova speranza nella diagnosi precoce di Parkinson e demenza da corpi di Lewy

La malattia da corpi di Lewy, che include il morbo di Parkinson e la demenza, è una delle patologie neurodegenerative più diffuse dopo l’Alzheimer. Fino a oggi, la diagnosi di queste malattie avveniva solo dopo la comparsa dei sintomi, rendendo difficile la gestione e l’efficacia delle terapie. Tuttavia, un team di ricerca dell’Università di Bologna, dell’IRCCS – Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna e dell’Università di Lund ha fatto un passo avanti significativo nello studio della malattia.

Mediante un test innovativo sul liquido cerebrospinale, chiamato RT-QuIC, i ricercatori hanno dimostrato la capacità di rilevare l’alfa-sinucleina patologica, una proteina coinvolta nella formazione dei corpi di Lewy, anche prima che compaiano i sintomi clinici. La scoperta apre la strada a una diagnosi precoce e mirata che potrebbe migliorare la gestione dei pazienti e l’efficacia delle terapie.

“Il test sul liquido cerebrospinale che abbiamo sperimentato ha restituito risultati molto promettenti”, commenta Piero Parchi, professore al Dipartimento di Scienze Biomediche e Neuromotorie dell’Università di Bologna e Responsabile del Programma Neuropatologia delle Malattie Neurodegenerative dell’IRCCS – Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna, tra i coordinatori dello studio.

“Ci aspettiamo che il test inizi ad essere utilizzato in tempi brevi, per migliorare la capacità di diagnosi e di prognosi nelle cliniche specializzate che si prendono cura di individui con disturbi del movimento e sintomi cognitivi”.

Il ruolo dell’olfatto e le implicazioni future

Una delle scoperte più interessanti del team di ricerca è stata l’associazione tra la presenza di corpi di Lewy nel cervello e un ridotto senso dell’olfatto, anche prima che compaiano altri sintomi evidenti. Questo potrebbe aprire la strada alla sperimentazione di farmaci mirati per limitare la formazione dei corpi di Lewy. I pazienti asintomatici con un olfatto compromesso e risultati positivi al test potrebbero rappresentare un gruppo ideale per tali sperimentazioni.

I ricercatori hanno anche osservato come i cambiamenti cerebrali associati ai corpi di Lewy interagiscano con altre proteine associate all’Alzheimer, come l’amiloide e la tau, suggerendo possibili collegamenti tra queste malattie neurodegenerative. Questi risultati aprono nuove prospettive nella comprensione delle patologie del sistema nervoso e nella ricerca di terapie combinate per trattare diverse forme di demenza.

Gli studi sono stati pubblicati su Nature Medicine e hanno coinvolto un ampio campione di individui, compresi sia pazienti con decadimento cognitivo che soggetti asintomatici. I ricercatori hanno dimostrato l’alta accuratezza del test nella diagnosi di corpi di Lewy nel cervello, aprendo la strada a un futuro diagnostico più precoce e preciso.

Un traguardo per la ricerca sulla malattia da corpi di Lewy

Il lavoro di ricerca svolto dalle università di Bologna e Lund rappresenta un importante traguardo nello studio della malattia da corpi di Lewy, aprendo nuove opportunità per una diagnosi precoce e un trattamento mirato. La scoperta del test sul liquido cerebrospinale, in grado di individuare la presenza della proteina alfa-sinucleina patologica prima dei sintomi, potrebbe avere un impatto significativo sulla gestione clinica di pazienti con morbo di Parkinson e demenza.

L’associazione tra corpi di Lewy e un ridotto senso dell’olfatto potrebbe indicare una nuova strada per lo sviluppo di farmaci mirati, offrendo nuove speranze per i pazienti e le loro famiglie. Inoltre, la correlazione tra corpi di Lewy e altre proteine coinvolte nell’Alzheimer suggerisce possibili connessioni tra queste malattie, aprendo la strada a trattamenti combinati e terapie più efficaci.

L’importanza di una diagnosi precoce nella malattia da corpi di Lewy non può essere sottolineata abbastanza. La possibilità di individuare questa patologia prima dei sintomi motori e cognitivi potrebbe fare la differenza nella qualità della vita dei pazienti e nell’efficacia delle cure.

Il lavoro di ricerca continua, e le università coinvolte si dedicano costantemente allo studio delle malattie neurodegenerative e alla loro relazione con l’invecchiamento. Grazie a questa collaborazione, i risultati della ricerca potrebbero avere importanti ricadute sulla popolazione anziana, aprendo nuove frontiere nella lotta contro queste complesse patologie del sistema nervoso.

In conclusione, il test sul liquido cerebrospinale per individuare la malattia da corpi di Lewy rappresenta una speranza concreta per una diagnosi e un trattamento precoci, portando la ricerca sulla neurodegenerazione a nuovi e promettenti orizzonti.

Altri di questo autore

La sostenibilità del sistema salute: un focus a Padova

Ha preso il via quest’oggi la terza edizione di Duezerocinquezero, il Forum nazionale sull’energia e la sostenibilità in programma...

Salute Femminile: l’open week di screening e iniziative gratuite

In occasione della 9° Giornata Nazionale della Salute della Donna, che si terrà il 22 aprile 2024, Prodeco Pharma...

L’innovativa tecnologia per lo screening dei tumori con il respiro arriva da Bari

In un futuro non lontano, diagnosticare tumori e malattie gravi potrebbe essere semplice come soffiare in un piccolo tubicino,...

La sostenibilità del sistema salute: un focus a Padova

Ha preso il via quest’oggi la terza edizione di Duezerocinquezero, il Forum nazionale sull’energia e la sostenibilità in programma...

Salute Femminile: l’open week di screening e iniziative gratuite

In occasione della 9° Giornata Nazionale della Salute della Donna, che si terrà il 22 aprile 2024, Prodeco Pharma...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Inserzione pubblicitaria

Gli ultimi articoli

Ipertermia oncologica: a Padova, in Veneto, un centro specializzato

Ipertermia oncologica: in Veneto il Centro specializzato Gruppo Medico Serena L'ipertermia oncologica è una strategia terapeutica ormai consolidata per la lotta ai tumori, che prevede...

Farmaci e ambiente: una relazione complicata

I farmaci sono fondamentali per la cura delle persone e oggetto di costante avanzamento tecnologico, nel nome della ricerca scientifica e del benessere collettivo....

Testamento Biologico: urgente bisogno d’informazione tra gli Italiani

Il dibattito sul testamento biologico sta assumendo nuove dimensioni in Italia, dove il Parlamento sta valutando proposte che potrebbero limitarne la portata. Una recente...

Non ti vuoi perdere i prossimi articoli?

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere, una volta al mese, la nostra selezione dei contenuti più interessanti!

Inserendo la mail accetti la Privacy Policy: ti terremo informato sui nostri prossimi contenuti. NON cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.

Ti è piaciuto questo articolo? 
Non perderti i prossimi!

Iscriviti alla newsletter per essere informato sulle prossime uscite e sulle iniziative esclusive a tema salute e medicina, riservate ai nostri iscritti.

Non cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.