Indagare i tumori: un nuovo metodo basato sulla risonanza magnetica

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Torino, diretto dai Professori Giuseppe Ferrauto e Silvio Aime, ha introdotto un avanzamento significativo nella diagnosi dei tumori attraverso un rivoluzionario metodo basato sulla risonanza magnetica.

Questa nuova tecnica, denominata CEST-MRI, permette di esaminare con grande precisione le cellule tumorali, offrendo una comprensione più approfondita della loro aggressività e una valutazione più accurata dell’efficacia dei trattamenti. La ricerca, pubblicata sulla prestigiosa rivista Angewandte Chemie International Edition, segnala un potenziale cambiamento radicale nella lotta contro il cancro.

Il cuore dell’innovazione: CEST-MRI

Il metodo CEST-MRI utilizza un “trucco” di scambio chimico per migliorare la sensibilità della risonanza magnetica, consentendo di individuare molecole specifiche all’interno delle cellule tumorali, come la creatina. Queste molecole agiscono da indicatori del comportamento cellulare, offrendo insights preziosi sul potenziale aggressivo del tumore.

La Dott.ssa Enza Di Gregorio, ricercatrice dell’Università di Torino e prima autrice dello studio, ha dimostrato come questa tecnica possa essere utilizzata per osservare dettagli funzionali intracellulari precedentemente inaccessibili.

Verso rapide applicazioni cliniche

La forza di questo metodo risiede nella sua compatibilità con le attrezzature di risonanza magnetica e i mezzi di contrasto a base di gadolinio già in uso nei protocolli diagnostici standard. Ciò implica che i pazienti potrebbero beneficiare di analisi diagnostiche più dettagliate con soli 3-4 minuti aggiuntivi di esame, senza alcun rischio aggiuntivo.

Un esempio di cooperazione interdisciplinare

La realizzazione di questo studio è stata possibile grazie alla collaborazione tra esperti di diverse discipline, inclusi biotecnologi, chimici, medici radiologi, immunologi e fisici. Questa sinergia interdisciplinare è cruciale per lo sviluppo di nuovi approcci nella diagnosi e trattamento di malattie complesse come i tumori.

L’entusiasmo del team di ricerca è palpabile: “Questo nuovo approccio alla risonanza magnetica potrebbe rappresentare una svolta nella nostra comprensione e nel trattamento dei tumori. Siamo entusiasti di vedere come questa tecnologia si evolverà e come potrà essere utilizzata per migliorare la vita di coloro che combattono contro il cancro. La ricerca continua, e con essa la speranza di un futuro più luminoso nella lotta contro questa malattia.”

Altri di questo autore

I padovani sono a dieta ma solo il 13% si affida a specialisti

Il buon cibo è da sempre parte della cultura italiana, e la cucina padovana non fa eccezione. Ma quanto...

Cardiomiopatia Aritmogena: uno sguardo alle ricerca in corso

La Cardiomiopatia Aritmogena (ACM), una malattia genetica del cuore che colpisce principalmente giovani e atleti, potrebbe presto vedere una...

Robot da Vinci SP. La chirurgia mininvasiva supera di nuovo i suoi limiti.

Robot da Vinci: anche tra i non addetti ai lavori è oramai sinonimo di chirurgia robotica mininvasiva, complice sicuramente...

I padovani sono a dieta ma solo il 13% si affida a specialisti

Il buon cibo è da sempre parte della cultura italiana, e la cucina padovana non fa eccezione. Ma quanto...

Cardiomiopatia Aritmogena: uno sguardo alle ricerca in corso

La Cardiomiopatia Aritmogena (ACM), una malattia genetica del cuore che colpisce principalmente giovani e atleti, potrebbe presto vedere una...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Inserzione pubblicitaria

Gli ultimi articoli

Caduta dei capelli: quando bisogna preoccuparsi?

La caduta dei capelli è un processo naturale, stagionale e fisiologico che riguarda tutte le persone.  Il capello è formato da un ciclo di vita che si articola in crescita, transizione e caduta. Non bisogna preoccuparsi quando si nota una perdita moderata di capelli in doccia, sul cuscino del letto o tra i denti del pettine.

Protesi Hi-Tech sensibili al calore: innovazione all’Università e Politecnico di Bari

Le protesi del futuro, capaci di riprodurre il senso del tatto, del calore e del freddo, sono in fase di studio al Dipartimento di...

Reflusso gastroesofageo: quali i migliori rimedi?

Oggi celebriamo la Giornata Mondiale della Salute Digestiva, un'occasione importante per sensibilizzare sull'importanza della salute digestiva come tassello per il benessere globale della persona....

Non ti vuoi perdere i prossimi articoli?

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere, una volta al mese, la nostra selezione dei contenuti più interessanti!

Inserendo la mail accetti la Privacy Policy: ti terremo informato sui nostri prossimi contenuti. NON cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.

Ti è piaciuto questo articolo? 
Non perderti i prossimi!

Iscriviti alla newsletter per essere informato sulle prossime uscite e sulle iniziative esclusive a tema salute e medicina, riservate ai nostri iscritti.

Non cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.