Terremoti, alluvioni e catastrofi: a Torino arriva la simulazione medica immersiva

In un’epoca in cui l’innovazione tecnologica si fonde con la didattica per trasformare l’apprendimento, Torino si pone all’avanguardia nel settore della formazione medico-scientifica con l’inaugurazione della prima Immersive Interactive Room per la simulazione medica immersiva in Italia. Questo spazio all’avanguardia, situato presso l’Aula Magna del Polo Didattico del Dipartimento di Scienze Cliniche e Biologiche dell’Università di Torino, presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria San Luigi Gonzaga di Orbassano, rappresenta un salto qualitativo nel modo in cui studenti, medici e professionisti sanitari possono apprendere, esercitarsi e perfezionare le proprie competenze.

La simulazione medica immersiva per la formazione dei sanitari

L’Immersive Interactive Room si distingue per l’uso di tecnologie innovative come il Rumble Floor, che genera vibrazioni nel pavimento, erogatori di oltre 400 odori diversi, simulatori di eventi atmosferici e un sistema sonoro avanzato per riprodurre rumori ambientali. Questi strumenti, insieme a speciali proiettori laser che trasformano le pareti in schermi touch interattivi, creano un ambiente multisensoriale che permette di simulare scenari medici complessi con un realismo senza precedenti.

Un passo avanti nella riduzione del rischio clinico

La simulazione medica immersiva si conferma uno strumento fondamentale nella formazione medico-scientifica, cruciale per la riduzione del rischio clinico e l’aumento della sicurezza di pazienti e operatori sanitari. La nuova camera immersiva, pertanto, non è solo un luogo di apprendimento ma anche di sperimentazione sicura, dove è possibile commettere errori in un contesto controllato e imparare da essi per migliorare le proprie abilità pratiche e decisionali.

Centro di Simulazione Medica Avanzata del Polo Didattico dell’Università di Torino

Realizzata grazie al contributo della Compagnia San Paolo e allestita dalla leader mondiale nel settore, la britannica Gener8, questa camera di simulazione medica immersiva rappresenta il modello più avanzato in Europa. Il suo inserimento nel Centro di Simulazione Medica Avanzata del Polo Didattico dell’Università di Torino segna un ulteriore passo verso l’innovazione della didattica in ambito medico, rispondendo alle aspettative e esigenze di studenti, docenti e professionisti sanitari.

La nuova Immersive Interactive Room” ha dichiarato il Rettore dell’Università di Torino Stefano Geuna “permetterà a studenti, medici e professionisti sanitari di confrontarsi con situazioni mediche delicate in ambienti clinici diversi realizzati in scenari didattici immersivi e realistici.L’Università di Torino conferma ancora una volta la sua forte vocazione all’innovazione della didattica e risponde alle aspettative ed esigenze di tutti gli attori coinvolti nel processo formativo in ambito sanitario: studenti, docenti, professionisti sanitari e cittadinanza”.

Altri di questo autore

I padovani sono a dieta ma solo il 13% si affida a specialisti

Il buon cibo è da sempre parte della cultura italiana, e la cucina padovana non fa eccezione. Ma quanto...

Cardiomiopatia Aritmogena: uno sguardo alle ricerca in corso

La Cardiomiopatia Aritmogena (ACM), una malattia genetica del cuore che colpisce principalmente giovani e atleti, potrebbe presto vedere una...

Robot da Vinci SP. La chirurgia mininvasiva supera di nuovo i suoi limiti.

Robot da Vinci: anche tra i non addetti ai lavori è oramai sinonimo di chirurgia robotica mininvasiva, complice sicuramente...

I padovani sono a dieta ma solo il 13% si affida a specialisti

Il buon cibo è da sempre parte della cultura italiana, e la cucina padovana non fa eccezione. Ma quanto...

Cardiomiopatia Aritmogena: uno sguardo alle ricerca in corso

La Cardiomiopatia Aritmogena (ACM), una malattia genetica del cuore che colpisce principalmente giovani e atleti, potrebbe presto vedere una...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Inserzione pubblicitaria

Gli ultimi articoli

Caduta dei capelli: quando bisogna preoccuparsi?

La caduta dei capelli è un processo naturale, stagionale e fisiologico che riguarda tutte le persone.  Il capello è formato da un ciclo di vita che si articola in crescita, transizione e caduta. Non bisogna preoccuparsi quando si nota una perdita moderata di capelli in doccia, sul cuscino del letto o tra i denti del pettine.

Protesi Hi-Tech sensibili al calore: innovazione all’Università e Politecnico di Bari

Le protesi del futuro, capaci di riprodurre il senso del tatto, del calore e del freddo, sono in fase di studio al Dipartimento di...

Reflusso gastroesofageo: quali i migliori rimedi?

Oggi celebriamo la Giornata Mondiale della Salute Digestiva, un'occasione importante per sensibilizzare sull'importanza della salute digestiva come tassello per il benessere globale della persona....

Non ti vuoi perdere i prossimi articoli?

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere, una volta al mese, la nostra selezione dei contenuti più interessanti!

Inserendo la mail accetti la Privacy Policy: ti terremo informato sui nostri prossimi contenuti. NON cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.

Ti è piaciuto questo articolo? 
Non perderti i prossimi!

Iscriviti alla newsletter per essere informato sulle prossime uscite e sulle iniziative esclusive a tema salute e medicina, riservate ai nostri iscritti.

Non cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.