Screening gratuiti per l’epatite C in Veneto

Il 28 luglio è stato istituito a livello internazionale il World Hepatitis Day, la Giornata Mondiale contro le Epatiti, con la volontà di puntare i riflettori sulla malattia, sulla conoscenza, la prevenzione e la cura delle diverse forme di epatiti. L’Organizzazione Mondiale della Sanità punta alla drastica riduzione, meglio ancora all’eliminazione delle infezioni da epatite virali di tipo B e C entro il 2030.

Per il virus dell’epatite B (HBV) in Italia, già dal 1991, è stata introdotta la vaccinazione obbligatoria, mentre per l’epatite C non esiste ancora un vaccino preventivo. Per questo, anche nel nostro paese, è stata avviata una campagna di screening gratuiti per l’identificazione dell’infezione da virus dell’epatite C (HCV) e per la successiva cura. 

L’epatite C infatti, nella maggior parte dei casi, rimane silente per anni senza alcun sintomo che ne possa svelare la presenza. Se non viene identificata e successivamente trattata, può causare patologie molto più gravi come la cirrosi epatica o il tumore del fegato. Tuttavia, non bisogna spaventarsi poiché l’epatite C non è più pericolosa come un tempo. Dal 2015 è stata messa a disposizione delle persone affette da epatite C una cura farmacologica altamente efficace, con tassi di guarigione che arrivano fino al 98-99% dei casi.

Chi può eseguire gli screening per l’epatite C

In Veneto le diverse ULSS, l’Azienda Ospedaliera di Padova e quella di Verona, l’Istituto Oncologico Veneto (IOV) partecipano attivamente alla campagna di screening gratuiti per l’epatite C che, per ora, si rivolge alle persone nate tra il 1969 e il 1989. Finora lo screening ha coinvolto 11.000 veneti.

«La scelta di concentrarsi su questa fascia di popolazione è il risultato di modelli matematici e studi epidemiologici compiuti una decina d’anni fa, sulle persone positive al virus dell’epatite C e soprattutto sulla loro potenzialità di trasmissione – spiega il dottor Salvatore Lobello, Referente dell’ULSS 6 Euganea per la campagna di screening per l’epatite C – oltre a questa fascia di popolazione, gli screening si rivolgono anche a categorie di persone selezionate, come i pazienti seguiti dai centri per le dipendenze (SERD) e i detenuti».

«Ampliare la fascia di popolazione coinvolta in questi screening potrebbe risultare molto utile se ci rivolgessimo ad una fascia di popolazione ancora più anziana – continua Lobello – i potenziali portatori sani del virus, cioè quelle persone che sono infette ma che stanno bene e perciò non ne sono a conoscenza, potrebbero essere molti in questa fascia. Questo a causa di alcune vecchie pratiche mediche che purtroppo hanno favorito la diffusione del virus». 

Come si partecipa agli screening gratuiti per l’epatite C in Veneto

La campagna ha preso il via il 16 maggio 2022 e partecipare agli screening gratuiti è facilissimo come ci spiega il dottor Lobello: «Una persona che appartiene alla fascia d’età 1969-1989 ha diverse opzioni per informarsi e partecipare agli screening gratuiti per l’epatite C. In tutti i nostri laboratori d’analisi e ambulatori sono presenti poster, volantini e libretti informativi riguardo a questa iniziativa. Ci si può rivolgere direttamente ai laboratori d’analisi pubblici delle ULSS del Veneto e richiedere, anche senza impegnativa del medico curante, di eseguire il prelievo per partecipare agli screening». 

«Inoltre, i pazienti target della campagna, quando devono eseguire delle analisi di routine, come i normali esami del sangue, vengono informati della possibilità di partecipare gratuitamente alla campagna di screening per l’epatite C tramite l’email di conferma della prenotazione – prosegue Lobello – anche nei casi di ricoveri improvvisi o programmati i pazienti target vengono informati della possibilità di eseguire il prelievo gratuito di sangue per individuare l’epatite C. Lo step successivo, nel caso una persona ancora non sia a conoscenza di questa campagna, è l’invio a casa di una lettera che contiene l’invito a partecipare agli screening e le diverse modalità per eseguire il prelievo».

Cosa succede in caso di positività e come funziona la cura per l’epatite C

I risultati del prelievo dello screening sono inviati direttamente nel Fascicolo Elettronico del paziente. In caso di positività, saranno direttamente le ULSS di competenza a contattare la persona interessata, come sottolinea Lobello: «Ad esempio, nel caso dell’ULSS 6 Euganea, la persona a cui viene identificata un’infezione da epatite C può essere contattata telefonicamente dall’Ambulatorio di Epatologia dell’Ospedale di Schiavonia, dall’Ambulatorio Epatologico di Cittadella o dall’Ambulatorio Epatologico dell’Ospedale ai Colli di Padova, il tutto a seconda della zona di residenza del paziente».

«Una notizia di positività non deve spaventare, anzi, identificare l’epatite C senza screening specifici come quelli che stiamo eseguendo per questa campagna è molto difficile. Per di più – aggiunge il dottor Lobello – ora che abbiamo a disposizione questa cura farmacologica, guarire dall’epatite C è possibile. Si tratta di una cura che deve essere assunta per bocca in cicli che vanno da 8 a 12 settimane e che è altamente sicura e tollerabile per le possibili interazioni farmacologiche con altri tipi di terapie, e porta nel 98/99% dei casi, ad una piena guarigione».

Una cura che è stata un vero e proprio punto di svolta per il trattamento dell’epatite C come i racconta il dottor Lobello: «Tra il 2015, anno dell’arrivo della cura per l’epatite C, e il 2018 abbiamo “ripulito” i centri di controllo e gli ambulatori che si occupavano dei pazienti affetti da questa patologia, guarendo centinaia di persone. Per questo la campagna di screening gratuiti per l’epatite C  è così importante, poiché ora rimangono solo da identificare le persone a rischio, per poi procedere con la terapia e con la loro guarigione».

Quanto dura la campagna di screening per l’epatite C

Ufficialmente la campagna di screening gratuiti per l’epatite C è partita il 16 maggio e dovrebbe concludersi alla fine di quest’anno, il 31 dicembre 2022: «La data ufficiale di conclusione della campagna è il 31 dicembre ma, se prendiamo ad esempio la popolazione target dell’ULSS 6 Euganea di Padova, trattandosi di più di 200.000 persone, diventa difficile eseguire tutti questi screening in un periodo così ristretto. Per questo ormai è quasi assodato che la campagna verrà prorogata anche a tutto il 2023».

«L’Italia è a buon punto nel raggiungimento dell’obiettivo di eradicazione dell’infezione da epatite C – conclude il dottor Lobello – probabilmente tarderemo di due o tre anni rispetto all’obiettivo imposto dall’OMS del 2030, soprattutto a causa della pandemia da COVID-19, tuttavia siamo sulla buona strada per eliminare finalmente questa malattia».

Anche di Salute in campo per la lotta all’epatite

Anche nell’ambito del primo evento Dì Salute Weekend, il 14 e 15 maggio scorsi in Prato della Valle a Padova, è proseguito l’impegno nella lotta all’epatite C grazie al progetto “Uniti contro l’epatite C” di Croce Rossa Italiana – Comitato di Padova, in collaborazione con l’UOC di Gastroenterologia e la SSD Trapianto Multiviscerale dell’Azienda Ospedale-Università di Padova.

Nelle due giornate di prevenzione gratuita in piazza sono stati eseguiti 120 test per l’epatite C: https://disalute.it/di-salute-weekend-1-300-visite-e-quasi-100-casi-da-approfondire/

Altri di questo autore

Estate e bambini: i consigli della Società Italiana di Pediatria

Estate e bambini, un classico binomio dei mesi più caldi. Ecco i consigli della Società Italiana di Pediatria per vivere al meglio le vacanze

Fototipo, cos’è e come si calcola per avere una abbronzatura perfetta?

Il segreto per un'abbronzatura perfetta? Conoscere il proprio fototipo, scopriamo insieme come calcolarlo in questo articolo

Qual è la migliore crema solare? I consigli per l’estate

È finalmente arrivata l'estate, tempo di mare e di proteggersi con la crema solare. Ecco alcuni consigli per scegliere la migliore

Estate e bambini: i consigli della Società Italiana di Pediatria

Estate e bambini, un classico binomio dei mesi più caldi. Ecco i consigli della Società Italiana di Pediatria per vivere al meglio le vacanze

Fototipo, cos’è e come si calcola per avere una abbronzatura perfetta?

Il segreto per un'abbronzatura perfetta? Conoscere il proprio fototipo, scopriamo insieme come calcolarlo in questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Inserzione pubblicitaria

Gli ultimi articoli

Estate e bambini: i consigli della Società Italiana di Pediatria

Estate e bambini, un classico binomio dei mesi più caldi. Ecco i consigli della Società Italiana di Pediatria per vivere al meglio le vacanze

Allo IEO la terapia protonica più avanzata d’Europa

E’ composto da due elementi, il primo si chiama Ciclotrone, pesa 55 tonnellate, ha un diametro di 2,50 metri e un’altezza di 3,10 metri;...

Fototipo, cos’è e come si calcola per avere una abbronzatura perfetta?

Il segreto per un'abbronzatura perfetta? Conoscere il proprio fototipo, scopriamo insieme come calcolarlo in questo articolo

Non ti vuoi perdere i prossimi articoli?

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere, una volta al mese, la nostra selezione dei contenuti più interessanti!

Inserendo la mail accetti la Privacy Policy: ti terremo informato sui nostri prossimi contenuti. NON cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.

Ti è piaciuto questo articolo? 
Non perderti i prossimi!

Iscriviti alla newsletter per essere informato sulle prossime uscite e sulle iniziative esclusive a tema salute e medicina, riservate ai nostri iscritti.

Non cederemo mai il tuo indirizzo a terzi.